NOTIZIE

Pubblicato il 07/12/2016

APPALTIL

Grande interesse sull'uso del nuovo codice dei contratti pubblici

Photogallery

Il 28 e 29 novembre 2016 presso il Savoia Regency Hotel di Bologna si è svolto il corso residenziale intensivo “APPALTIL: avvertenze sull'uso del nuovo codice dei contratti pubblici, fra proclami terapeutici ed effetti indesiderati".

Il corso, rivolto al personale degli uffici commerciali, gare, legali e di direzione tecnica delle imprese di servizi, è stato presentato dal Presidente della Fondazione Scuola Nazionale Servizi Alberto Ferri, che ha voluto sottolineare l’impegno della Fondazione nello studiare a fondo il nuovo codice per offrire alle imprese associate strumenti innovativi e spunti di riflessione per lo sviluppo del loro business.La formula dell’evento, articolato in due giornate, è stato caratterizzato da un grande successo di pubblico, che ha potuto porre numerose domande ai docenti intervenuti per l’occasione. 

Il 28 novembre i lavori sono stati aperti dal Giudice amministrativo Dott. Alessandro Cacciari, che ha dato una dettagliata situazione dell’ambito di applicazione del nuovo codice dei contratti pubblici: i requisiti generali e speciali, i contratti inclusi ed esclusi, dichiarazioni e soccorso istruttorio.Un buon inizio, seguito dall’intervento dell’Avvocato amministrativista Massimiliano Brugnoletti, che si è focalizzato sui grandi temi del nuovo codice (l’ambiente ed il sociale, rapporto PA e mercato), le concessioni e la programmazione ed il fabbisogno (acquisto diretto e acquisto centralizzato).

I lavori sono continuati il giorno successivo, aperti dal Giurista d’impresa Avv. Arnaldo Tinarelli, che ha presentato le novità in tema di avvalimento, procedure ordinarie e procedure speciali, aggregazione della domanda pubblica e qualificazione delle stazioni appaltanti.Il corso si è concluso con l’intervento dell’Avvocato amministrativista Paola Rea, che ha analizzato in dettaglio la situazione relativa ai criteri di aggiudicazione, al subappalto, al contenzioso e all’anomalia dell’offerta.